È sempre opportuno tenere presente che, soprattutto quando si tratta di un bambino, è essenziale garantire il suo trasporto in auto nel pieno rispetto di tutte le normative. Ciò implica l’obbligo di assicurarlo regolarmente al seggiolino e alle cinture di sicurezza.

Ma cosa accade dal punto di vista legale e risarcitorio nel caso in cui un minore riporti lesioni a seguito di un incidente stradale in cui era tenuto in braccio?

LE POSIZIONI DELL’ASSICURAZIONE E DEL TRIBUNALE RIGUARDANTI IL BAMBINO

Una situazione di questo tipo, non così infrequente, è stata oggetto di una controversia legale. La compagnia assicurativa del veicolo ha rifiutato di risarcire i danni subìti dal bambino, sostenendo che la responsabilità delle lesioni ricadeva interamente sul conducente del veicolo. Quest’ultimo non aveva garantito il corretto trasporto del minore, e ciò avrebbe esonerato l’assicurazione da qualsiasi obbligo di risarcimento.

Una tesi vigorosamente respinta dal giudice, che ha ribadito con fermezza il diritto del bambino a ricevere un risarcimento per il danno non patrimoniale subìto, indipendentemente dal comportamento del conducente del veicolo, sia esso un genitore o un terzo. Questo perché, in primo luogo, il bambino è considerato un terzo trasportato rispetto al titolare della polizza e l’assicurazione è responsabile di tutte le conseguenze dannose causate dalle azioni del proprio assicurato.

Nel caso specifico, poiché si trattava di un minore, il bambino non aveva alcuna responsabilità per il trasporto irregolare. Quindi, era esclusa la possibilità che la compagnia assicurativa potesse ridurre l’entità del risarcimento basandosi su un presunto concorso di colpa, come avviene nei casi in cui un danneggiato adulto, non allacciandosi la cintura, contribuisce a determinare o aggravare il danno patito.

LE RESPONSABILITA’ DELL’ASSICURAZIONE

In questi casi, la compagnia assicurativa è sempre tenuta a liquidare ai genitori, o ai legali rappresentanti del bambino, l’integrale risarcimento per le lesioni sofferte. Questo avviene indipendentemente dal fatto che il conducente sia stato sanzionato per non aver adeguatamente assicurato il bambino al seggiolino e ai dispositivi di ritenzione o, in caso di lesioni gravi, sia finito anche a processo.

In conclusione, nel caso di un bambino coinvolto in un incidente stradale, il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale è riconosciuto anche se il bambino non indossava le cinture o non era posizionato sul seggiolino. L’assicurazione è tenuta a rispondere di tutte le possibili conseguenze dannose derivate dalle azioni dell’assicurato e, eventualmente, potrebbe intraprendere azioni di rivalsa – se previste dal contratto assicurativo – nei confronti del conducente che non ha adottato le necessarie precauzioni per proteggere il minore.

STUDIO ALIS: L’INFORTUNISTICA A BOLOGNA E A FERRARA

Sei stato vittima di un incidente stradale? Rivolgiti a noi.

Un’agenzia specializzata in infortunistica stradale ha il compito di assistere coloro che sono stati coinvolti in un sinistro, guidandoli attraverso il complesso percorso burocratico finalizzato al risarcimento dei danni. Fondamentalmente, agisce come intermediario tra il soggetto danneggiato e la compagnia assicurativa, con l’obiettivo di tutelare gli interessi della parte lesa. I rimborsi proposti dalle assicurazioni tendono a essere frequentemente inferiori: affidarsi a uno specialista in materia di infortunistica diventa lo strumento principale per difendere i propri diritti.

Contattaci per saperne di più: siamo a Bologna/Casalecchio di Reno, Bazzano, Cento, Funo di Argelato, San Giovanni in Persiceto e Villanova di Castenaso.

Bambino

Dicono di noi

Esperienza molto positiva. Non conoscevo lo Studio Alis. Mi sono rivolto all’agenzia di San Giovanni in Persiceto, a seguito di un incidente stradale. Personale qualificato, professionale e cortese. La dott.ssa Gnudi è una persona competente, gentile, sempre disponibile, dotata di grande umanità e sensibilità. Si è presa cura del caso anche sotto il profilo umano sin dal primo incontro. Sono stato seguito in tutte le incombenze burocratiche e in quelle prettamente mediche. Indennizzo superiore alle mie aspettative. Consiglio vivamente lo Studio Alis a chi ne avesse necessità.

Biagio I.

Filiale di Casalecchio. Professionali, competenti e molto disponibili. Siamo stati seguiti con discrezione e sollecitudine in un momento difficile. Non avrei dubbi a consigliare la loro consulenza.

Claudio G.

Ottima esperienza, grazie al fervido lavoro di tutti: avvocati, medici e personale dello studio. Li ringrazio per la gentilezza e la disponibilità.

Andrea P.

Un’assistenza impeccabile: professionali, cortesi e disponibili a risolvere ogni esigenza o dubbio del loro assistito. Straconsigliati.

Fabio F.

Buonissima esperienza alla filiale di Funo di Argelato. Corretti, gentili, professionali, rapidi nelle risposte. Sono stati chiari fin dall’inizio, spiegando come sarebbe stata la trafila burocratica. Hanno anticipato praticamente TUTTE le spese sostenute e ci hanno seguito passo passo. Indennizzo anche superiore rispetto a quello che si potesse prevedere. Ci hanno sempre consigliato, lasciandoci comunque la scelta delle azioni da intraprendere.

Stefano G.

Personale competente e cordiale, ottimo servizio. Consigliato.

Mirko T.

Personale sempre disponibile per qualsiasi problema ed evenienza. Portano a termine il lavoro con passione e determinazione. Molto bravi. Sono rimasta veramente soddisfatta.

Martina V.

Infortunistica nel centro di Bologna che aiuta nelle pratiche relative a incidenti stradali e non. Personale gentile e competente.

Simona G.